,

Scarlattina bambini, come riconoscerla

Quello che più preoccupa le mamme è vedere i propri bambini malati e non sapere cosa hanno: vediamo come riconoscere le malattie dei bambini e cosa fare per alleviare i disturbi.

Come riconoscere la scarlattina

Questa malattia dei bambini è tipica dell’infanzia, ma può colpire anche gli adulti; viene causata dal batterio dello streptococco pyogenes del gruppo A ed i primi sintomi sono febbre alta accompagnata da mal di gola e fatica a deglutire, ma si può anche presentare con gonfiore dei linfonodi del collo, vomito, mal di testa e dolori addominali.

Non è detto che questi sintomi compaiano tutti insieme, questo è molto soggettivo come il fatto che due fratelli, pur frequentando gli stessi ambienti, non si ammalano allo stesso modo.

Leggi anche: Consigli per proteggere la pelle dei bambini dal sole

Generalmente è sufficiente fare il tampone faringeo per diagnosticare questa malattia esantematica, che ben presto sfocierà in piccole bolle rosse localizzate sulla schiena e sulla pancia, per espandersi a tutto il corpo nelle manifestazioni più acute. La scarlattina è una di quelle malattie per le quali ancora non ci sono vaccini in grado di prevenirla.

Cure e consigli

Quando viene diagnosticata questa malattia, non resta da fare altro che prendere l’antibiotico ed in circa 15 giorni, farà tornare tutto alla normalità. In questo periodo, i piccoli sono portati a rifiutare il cibo, cosa che preoccupa sempre molto le mamme, ma è importante sapere che tutto ciò è causato dalla malattia e non bisogna insistere troppo, ciò che è veramente importante è che il bambino sia idratato, quindi gli si possono proporre tisane, acqua zuccherata ed anche gustosi gelati, che allevieranno per un po’ il mal di gola e lo nutriranno un po’.

Leggi anche: Paracolpi lettino: perché usarlo e come sceglierlo

Per alleviare il prurito, si trovano in commercio lozioni lenitive completamente naturali, ma è anche opportuno tagliare bene le unghie dei piccoli malati, in quanto potrebbero farsi male e sbucciarsi grattandosi. Una volta terminato il decorso della malattia, al bambino tornerà l’appetito ed in pochi giorni riprenderà le forze e l’energia che lo ha sempre caratterizzato.