,

Rapporto genitori figli: non sempre è facile!

Questione di età… La prima grande gioia di una coppia felice, nella maggioranza dei casi, risulta essere la nascita di un figlio. Genitori e figli rappresentano spesso un bellissimo ossimoro che nasce, cresce e si sviluppa in modi sempre diversi, a seconda dei soggetti coinvolti.

Rapporto tra genitori e figli

Il rapporto tra genitori e figli viene infatti influenzato principalmente dalla dedizione del padre e della madre, che hanno un compito solo all’apparenza semplice. La scienza, infatti, ha più volte accertato che la personalità di un individuo affonda le sue radici nell’età dell’infanzia e dello sviluppo, colme di nuove esperienze che forgiano l’individualità del soggetto. È quindi facile comprendere come i genitori debbano caricarsi di grosse responsabilità verso i propri figli e prepararli al loro ingresso nella società. Comprendere le differenze intellettuali relative all’età è un passo pressoché fondamentale se si vogliono ottenere i massimi risultati.

Leggi anche: Litigi tra fratelli, come evitarli

L’esperienza aiuta

Bisogna partire dal presupposto che quella di crescere dei bambini è una missione, più che un dovere. Far loro comprendere i principi, soprattutto sociali, che governano il nostro mondo, li aiuterà nella crescita, permettendogli di affrontare i primi ostacoli con maggiore risolutezza.

I giovani tendono generalmente a proseguire per la strada opposta a quella indicata e consigliata dal genitore. Come mai? Tendenzialmente la risposta è da ricercare nella voglia dei primi di approcciarsi al mondo senza essere guidati, agendo credendo di compiere azioni secondo la loro indipendenza e sotto il loro totale controllo delle cose.

L’inesperienza però agirà in seguito da maestra e li metterà di fronte a delle situazioni che difficilmente riusciranno a risolvere senza l’aiuto di una guida. Da qui la consapevolezza di doversi affidare, delle volte, al genitore, fidandosi dei suoi pareri e consigli.

L’ascolto, se così possiamo definirlo, deve essere guadagnato, ma non con la severità. Quest’ultima infatti non scaturisce altro che timore e una falsa reverenza. Il rispetto va di pari passo con la dolcezza e l’amore che viene mostrato e prende in considerazione anche i momenti di avversità in un rapporto tra genitori e figli.

Leggi anche: Cosa regalare ad una coppia di neo genitori

Crescita e consapevolezza

Mentre il discorso precedente ha una maggiore validità per l’età infantile e, almeno in parte, per quella adolescenziale, lo stesso non si può dire per i ragazzi prossimi alla maggiore età. Arriverà un momento in cui il figlio, ormai già individualmente formato, proseguirà la sua crescita psicologica e sociale solo grazie alle esperienze di vita vissuta. Imparare ad effettuare delle scelte senza il parere di altri sarà un fattore determinante per la sua completa formazione.

Non tutti i padri e le madri educano i propri bambini utilizzando gli stessi metodi. Ciò, tuttavia, non vuol dire che alcuni sbagliano ed altri no. Semplicemente dimostra quanto sia complicato e stratificato il processo di educazione e di formazione, sia nel campo sociale che culturale.