,

Il bambino non si attacca al seno

L’allattamento è una pratica naturale che in genere non ha bisogno di linee guida e che viene spontaneo, tuttavia alcune volte il proprio bambino non ne vuole proprio sapere di attaccarsi al seno della mamma. In tal caso potrebbero essere utili i nostri consigli.

Consigli per il proprio bambino

E’ consigliabile iniziare l’allattamento al seno al più presto: è scientificamente dimostrato che le sostanze nutritive che contiene il latte materno sono fondamentali per la crescita del neonato che grazie agli anticorpi della mamma lo aiuterà a crescere sano e in salute.

Per prima cosa è fondamentale conoscere le posizione corrette. Per cui ancora prima che inizi la montata lattea è fondamentale attaccare il proprio figlio per evitare la comparsa di ragadi ma anche avviare il processo di produzione del latte. Per trovare la posizione più idonea è fondamentale che la schiena sia ben sorretta e che il piccolo sia distribuito correttamente su tutto il proprio corpo. Ragion per cui i cuscini per sostenere il braccio sono un ottimo aiuto in tal senso, cosi come può essere utile anche uno sgabello o poggia piede per poter distendere le gambe, e trovare una posizione comoda.

La posizione corretta si intuisce velocemente, infatti in tal caso difficilmente una mamma sentirà dolore durante la poppata del proprio piccolo, cosi altamente probabile in caso di posizione errata. In generale la bocca ed il naso devono essere rivolti verso il capezzoli ed il mento deve poggiarsi sul seno. Possiamo aiutarci sostenendo la testa del bambino con la mano per portarla nella posizione corretta per allattare.

La giusta posizione prevede che la bocca del piccolo sia completamente aperta ed il naso libero, tenendo presente che il figlio deve avere in bocca anche il capezzolo. Se la posizione è corretta, noterete come il bambino sia rilassato e non si sentirete alcuno tipo di dolore. In alcuno casi ci vorranno diversi giorni di pratica, soprattutto all’inizio quando la produzione di latte non è elevata, ma già dal terzo giorno in poi voi farete meno fatica e anche vostro figlio, sia perché avrete capito le giuste dinamiche di interazione, sia perché inizierà la montata, ragion per cui sarà più facile succhiare e tirare il latte.

E’ fondamentale non farsi scoraggiare dal primo tentativo: generalmente potrebbe essere necessario anche più di un giorno per trovare la corretta posizione ed interazione con il proprio figlio, sono pochi i casi per i quali già alla prima poppata si riesce ad instaurare la corretta dinamica per un allattamento felice e sereno.

Leggi anche: Ragadi al seno: come prevenirle e curarle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *