,

I cibi da evitare durante l’allattamento

Una mamma che ha appena partorito il suo primo bimbo non sempre è conscia dell’importanza che la sua alimentazione può avere nel periodo dell’allattamento. In realtà, consumare gli alimenti giusti può portare numerosi benefici al neonato.

Cosa evitare quando si inizia ad allattare un neonato

I cibi da evitare durante l’allattamento

Una mamma che ha appena partorito il suo primo bimbo non sempre è conscia dell’importanza che la sua alimentazione può avere nel periodo dell’allattamento. In realtà, consumare gli alimenti giusti può portare numerosi benefici al neonato.

Cosa evitare quando si inizia ad allattare un neonato

L’importanza del cibo per il gusto del latte

Esistono alcuni alimenti che devono essere evitati durante l’allattamento perché sono in grado di conferire un sapore sgradevole al latte materno; si passa dalla cioccolata agli insaccati, fino alla carne, specialmente rossa. Anche alcune verdure non dovrebbero essere consumate, come i peperoni, i broccoli, i cavoli, i carciofi, gli asparagi e tutti quei vegetali che si caratterizzano per un sapore amaro. Anche i sapori intensi (ad esempio quelli dell’aglio e della cipolla) non sono consigliati.

Leggi anche: I cibi amici dell’allattamento

Gli alimenti da consumare con moderazione

I legumi possono essere mangiati nel corso di tale periodo, ma sarebbe meglio limitarne le quantità, in modo particolare quando il bambino è soggetto a coliche gassose. Il pesce può essere consumato, evitando però quello affumicato (come il salmone), oppure specie come il tonno e lo sgombro.

Anche i frutti di mare andrebbero aboliti, soprattutto perché potrebbero dare luogo a reazioni allergiche. Moderare il consumo di fritti e quello di cibi eccessivamente dolci, come le torte e gli snack.

Le bevande sconsigliate

In questo ambito è importante limitare o escludere completamente i succhi di frutta e qualsiasi altra bevanda eccessivamente zuccherina. Ricordarsi di non consumare alcol, che ha la capacità di passare con estrema facilità dal latte materno al sangue del piccolo, inducendo quest’ultimo a bere meno latte e ad avere difficoltà nello sviluppo.

Limitare anche le bevande contenenti sostanze eccitanti (ad esempio il caffè e il tè). È necessario indicare, inoltre, che la credenza che bere molto latte porta ad avere una quantità maggiore di latte materno non è confermata scientificamente.

Niente fumo

Infine, deve essere sottolineato come il fumo, oltre che nel corso della gravidanza, dovrebbe essere evitato anche quando si inizia ad allattare il neonato; è in grado, infatti, di agitare il bambino stesso, portandolo a manifestare insonnia.

Leggi anche: Consigli per scegliere il reggiseno per allattamento