,

Gemelli in arrivo? Preparati così

SOS mamme gemelli in arrivo: tanti consigli utili su come gestire e organizzare il lieto evento.

Vivere il parto gemellare nel modo giusto – Cosa fare prima del parto

Il periodo della gravidanza per la futura mamma è sempre qualcosa di bello e carico di aspettative, ma è normale – specialmente se in attesa di due bambini – che arrivi anche qualche preoccupazione in più.

L’importante è non farsi sopraffare da ansia e paure: basta seguire i suggerimenti dagli esperti e non lasciarsi cogliere impreparati. Prima di tutto un’attenzione particolare alla propria salute.

Lo stress fisico-emotivo di una donna incinta di gemelli è notevolmente superiore rispetto a quello di una gestante con un solo feto.
Disagi quali nausea, spossatezza, problemi di digestione e aumento di peso si presentano presto e con maggiore intensità e durata.

È meglio quindi non affaticarsi troppo e, nel caso di una donna lavoratrice, usufruire fin da subito dei tempi di astensione obbligatoria. Vanno inoltre effettuati frequenti controlli ecografici, ostetrici ed ematochimici, per monitorare il corretto stato di gestazione ed evitare complicazioni.

Va ricordato che circa il 50% dei parti gemellari avviene tramite cesareo e, per la maggior parte, fra la 36a e la 37a settimana di gestazione.
In questo frangente, il sostegno psicologico di partner e parenti risulta assolutamente fondamentale.

[blockquote author=”” style=”2″]Leggi anche:Come allattare una coppia di gemelli[/blockquote]

Pianificare le spese

Diventare subito genitori di due bambini significa inevitabilmente avere più spese. Per gestire le finanze famigliari, in modo da garantire ai nascituri tutto il necessario senza dilapidare il patrimonio, occorre ottimizzare i costi.

Ad esempio, se a casa non si hanno a disposizione grandi spazi, è possibile – almeno durante i primi anni – optare per una cameretta in comune.

Per quanto riguarda i giochi, inutile sperperare in doppioni: meglio insegnare il rispetto per l’altro e la condivisione. Uno dei rimedi low cost più in voga degli ultimi tempi è la classica fascia di tessuto, che consente di trasportare i neonati con poca fatica, per brevi distanze.

Costa meno di una carrozzina e regala loro una posizione naturale e confortevole. C’è poi un asso nella manica da non sottovalutare: Internet e la comunità digitale. Infatti i siti e i blog che parlano di gravidanza e bimbi stanno crescendo in maniera esponenziale, per rispondere alle varie esigenze degli utenti.

Consultarli non costa nulla e permettono di accedere a tante informazioni interessanti, comodamente seduti da casa.

[blockquote author=”” style=”2″]Leggi anche: Problemi digestivi in gravidanza: consigli[/blockquote]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *