,

Come trasportare un bimbo appena nato in auto?

È nato un bebè! Che gioia per mamma e papà ma anche per i nonni! Come portare a casa un neonato? Ma in auto nel suo seggiolino con le dovute accortezze e con i dispositvi di sicurezza.

Come scegliere il seggiolino

Il bimbo può viaggiare in auto sin dai primi giorni di vita, da quando esce dalla clinica. Di fondamentale importanza è l’omologazione del trasportino. Sull’etichetta deve essere specificato la categoria di peso del piccolo e la parola universal che significa che è adatto ad ogni tipo di macchina. È dotato di manici per cui ha anche la funzione di porte enfante e va posizionato sempre sul sedile posteriore e in senso contrario a quello di marcia.

Perchè deve viaggiare in senso opposto?

Il motivo è molto semplice in quanto in caso di frenata improvvisa la testa, le cui ossa non sono del tutto consolidate, subisce un urto violento per cui è necessario offrire un sostegno con il poggiatest .

Mamme non trasportate mai il neonato in automibile in braccio, un eventuale incidente potrebbe mettere in serio pericolo la sua vita. Il codice stradale è inflessibile, il bimbo deve viaggiare sul sedile posteriore nel suo guscio. Secondo la vostra esperienza per trasportare il bebè è meglio la navicella o l’ovetto?

Leggi anche: In vacanza con i bambini

È richiesta massima igiene

È necessario che il tessuto dell’ovetto sia lavabile per garantire una perfetta igiene. Studiosi hanno affermato che si annidano molti batteri dannosi per la salute del piccolo. Essendo molto comodo il bimbo si addormenta trascorrendovi molto tempo quindi la mamma premurosa senz’altro provvede a pulirlo.

Sistema Isofix per viaggi sicuri

Giunto il momento di comprare il trasportino sarebbe meglio scegliere quello dotato del sistema Isofix che lo blocca senza cinture. Quasi tutte le nuove automobili sono munite di questi attacchi. Essere genitore è uno dei compiti più difficili al mondo, solo l’esperienza li aiuterà a condurre per mano il proprio bimbo.

Genitori siete attenti alla sicurezza dei vostri figli?

Leggi anche: Dimagrire dopo il parto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *