,

Come realizzare un albero genealogico

Ognuno di noi, almeno una volta si è chiesto quali fossero le proprie origini. Prima di mamma e papà i nonni, prima dei nonni i bisnonni e prima ancora? Vedremo come realizzare un semplice e basilare albero genealogico per scoprire quali sono le nostre radici.

Occorrente e dati utili per realizzare un albero genealogico

Come già accennato, un pò tutti noi ci siamo chiesti più di una volta quali sono le nostre origini e quindi quali sono le radici che caratterizzano la propria famiglia. Basta solo un po’ di volontà per provare a ricostruire un albero generazionale di base. Quello che si dovrà fare sarà semplicemente ricostruire le generazioni, partendo da noi stessi e da eventuali fratelli, quindi andare a ritroso nel tempo.

Porteremo un esempio di organizzazione dell’albero nel paragrafo successivo. Per chi non ne fosse a conoscenza, è possibile usufruire di una serie di schemi precompilati presenti on line e scaricabili gratuitamente. Si tratta di schemi indicativi che possono aiutare sostanzialmente colui che si accinge a ricostruire le proprie radici. Per scegliere quello più adatto alle proprie esigenze basta semplicemente digitare la parola chiave sul web e cercare tra i software a disposizione.

A prescindere dalla tipologia di software, in genere essi comprendono dei riquadri in cui sono riportate le voci del grado di parentela (sorelle, fratelli– madre, padre, zii e zie – nonno, nonna – bisnonno, bisnonna) che dovranno essere compilati con i nomi dei propri parenti.

Una volta scelto lo schema più adatto bisogna cominciare a raccogliere tutti i dati di ciascun parente prossimo e antenato. Per esempio, partendo dal presente è necessario inserire il proprio nome e cognome con data di nascita. A questo punto, bisogna realizzare una seconda riga in cui sono scritti, uno a fianco all’altro i nomi di madre e padre.

Naturalmente a ciascun genitore dovrà essere indicato il nome e il cognome dei propri genitori. E’ chiaro che man mano che si va avanti ogni riga cresce in maniera esponenziale. Una volta raggiunto il grado dei bisnonni, molto probabilmente dovrete cominciare a documentarvi con i gradi precedenti. Per fare questo potete richiedere di fare una ricerca accurata direttamente all’anagrafe.